Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur.
Contact us now +1128 5255 8454
support@elated-themes.com
h 24: +39.333.3908182 / +39.347.5981572
Merlo & Lawyers - Infortunistica stradale - Risarcimento danni
Title Image

Risarcimento danni da eventi catastrofali

Home  /  Blog   /  Risarcimento danni da eventi catastrofali

Risarcimento danni da eventi catastrofali

Il rischio catastrofale è quell’evento che al suo verificarsi genera danni ad una collettività di soggetti. Il rischio catastrofale si suddivide in due categorie principali:

  • EVENTI NATURALI: uragani, alluvioni, grandinate, frane, terremoti…
  • EVENTI ARTIFICIALI: concernono  fondamentalmente la responsabilità civile (anche quella auto), trasporti, crediti, incendi, aviazione, attentati terroristici…

In questi ultimi anni l’Italia è stata spesso funestata da catastrofi per eventi naturali ed atmosferici, con conseguenti danni (estremi e non) a beni e persone.
In Italia i danni causati dalle catastrofi naturali sono stati storicamente risarciti ex-post tramite stanziamenti statali ad hoc: una forma assicurativa non esaustiva nella soddisfazione concreta dei danni, pagata dai cittadini tramite la fiscalità generale (anche da chi non possiede immobili), che non fornisce certezza sui risarcimenti, che non previene e mitiga il rischio, che favorisce paradossalmente gli evasori fiscali.

Negli ultimi anni si segnalano diversi tentativi di introdurre nella nostra legislazione una regolamentazione della materia purtroppo non andati a buon fine, e per il mancato accordo tra le forze politiche e per l’insostenibilità finanziaria delle proposte delle compagnie assicuratrici.

Il dialogo tra Stato e Compagnie Assicurative diventa in questo contesto assolutamente necessario. Il gap tra costo sociale e danni sostenuti dalle assicurazioni non può essere tutto rovesciato nelle tasche delle compagnie, che sono pur sempre delle imprese che conservano insito uno scopo di lucro. Le compagnie potrebbero far fronte in via esclusiva solo eliminando la copertura di alcuni rischi (ossia, proprio di quelli che servono) oppure mettendo mano alle tabelle dei prezzi. Gli Stati devono, di fatto, prendere atto che l’ottica di prevenzione è la soluzione da adottare, abbandonando la logica di spesa di bilancio di emergenza nella quale incasellano il rischio catastrofe.

Altri contenuti